sabato 8 marzo 2014

PREMIARE IL MERITO E DECENTARE, COSI’ GARANZIA GIOVANI DECOLLERA’. L’AUSPICIO DI ASSOLOMBARDA E ASSOLAVORO.

Incentivare la sinergia territoriale tra imprese e Regioni. La richiesta arriva direttamente dai rappresentanti dalle organizzazioni imprenditoriali lombarde.

“Per essere davvero efficace Youth Guarantee deve ritrovare la sua dimensione territoriale” sostiene Michele Angelo Verna, dg di Assolombarda in una lunga intervista a Libero. L’auspicio espresso anche dagli imprenditori è quello che il Ministro Poletti accolga le richieste delle Regioni, affinchè tra queste e lo Stato si instauri un regime di assoluta flessibilità. “Sarebbe un peccato smontare il sistema lombardo”, prosegue Verna, “tutti a livello nazionale dovrebbero prenderlo d’esempio, perché concentra tutte le risorse in una dote unica e premia con un voucher le agenzie private a risultato raggiunto, cioè quando il giovane è stato inserito al lavoro o avviato a un tirocinio”. Secondo il dg di Assolombarda “Garanzia Giovani in Lombardia metterà a disposizione 200 milioni di euro” cifra che potrà portare al lavoro 50 mila giovani, ma per realizzare ciò servirà “la concretezza che una struttura centralizzata non può garantire”.


Sulla stessa linea sembra essere Luigi Brugnaro, presidente di Assolavoro: “Garanzia Giovani grande opportunità” a patto che le risorse siano impiegate in maniera produttiva; “il sistema lombardo funziona perché è premiale” continua Brugnaro, il quale conclude affermando che “le agenzie per il lavoro trovano all’anno 47 posti di lavoro per ciascun dipendente, contro i 4 dei centri per l’impiego, il nostro auspicio è che il Governo ne prenda atto e si muova con convinzione in un’ottica di risultato: chi effettivamente accompagna i giovani ad una reale occasione di lavoro va premiato.”

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.