venerdì 9 maggio 2014

Patto di stabilità e Garanzia Giovani. In Lombardia problema già risolto

Ad oggi si sono già registrati 25 mila giovani, un ritmo frenetico di 5 mila iscritti al giorno. L'inizio di Garanzia Giovani è stato accolto calorosamente dai tanti ragazzi disoccupati o inoccupati, che grazie al grande programma europeo avranno modo di affacciarsi nel mondo del lavoro. Anche le ultime preoccupazioni stanno via via scemando, ed ora finalmente si potrà pensare soltanto alla ricerca delle migliori opportunità per coloro che ne faranno richiesta. Un problema di non poco conto è stato risolto da Regione Lombardia, approvando la Convenzione con il Ministero del Lavoro per l'attuazione della Garanzia Giovani. Sarà l'Inps infatti ad erogare gli incentivi alle imprese che assumono e le relative indennità ai giovani cui sarà attivato un tirocinio. Inoltre la compensazione erogata a quegli operatori che erogheranno servizi nei confronti di giovani sotto i 25 anni, giungeranno direttamente dal ministero, senza quindi transitare dal bilancio regionale. Questa operazione consentirà a Regione Lombardia, ma anche alle altre Regioni che si convenzioneranno, di escludere il cofinanziamento nazionale dal patto di stabilità. Il prossimo passo sarà accorciare i tempi che intercorrono tra l'iscrizione del giovane sul portale e la "chiamata"; troppi sono gli attuali 60 giorni (al massimo) previsti.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.