martedì 9 settembre 2014

UGL: preoccupano i dati della Garanzia

Anche il Sindacato UGL (Unione Generale del Lavoro) si esprime a proposito dell'andamento di Garanzia Giovani. Attraverso una nota congiunta i segretari confederali dell'UGL, Ornella Petillo e Giovanni Condorelli, commentano i dati diffusi dal Ministero del Lavoro a proposito del numero di aderenti alla Garanzia.
Secondo i segretari UGL i dati non possono certo definirsi soddisfacenti, poichè a fronte di 179 mila adesioni al programma, i soggetti cui è rivolto, i NEET italiani, sono circa 2,5 milioni.
Altro dato significativo sottolineato dall'UGL riguarda la forte sproporzione del numero di occasioni lavorative tra il Nord ed il Sud dell'Italia. Seppur sia il Mezzogiorno a presentare una più difficile situazione occupazionale, le offerte di lavoro presenti sono soltanto il 13,9% rispetto al 71% del Nord ed al 14% del Centro.
Secondo UGL è necessario un serio piano di potenziamento delle strutture attraverso una razionalizzazione dei Servizi per l'impiego, tenendo ben presente che l'Italia in questi servizi investe circa 500 milioni di euro, contro i 5 miliardi della Francia, gli 8,8 miliardi della Germania, ed i 5,4 del Regno Unito.


UGL - Garanzia Giovani, Ugl: "dati su adesioni poco soddisfacenti"

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.