martedì 4 novembre 2014

Saranno sufficienti le risorse?

Sono stati 260 mila i giovani tra 15 e 29 anni che dal primo maggio scorso hanno aderito a Garanzia Giovani. Lo ha dichiarato il Ministro Giuliano Poletti nella Commissione Lavoro del Senato, proprio per illustrare lo stato d'avanzamento del programma che l'UE ha promosso per favorire l'occupazione giovanile. Durante la seduta, il Ministro ha fornito un dato che non fa affatto stare tranquilli: i fondi previsti, ossia 1,5 miliardi di euro, "ci permettono potenzialmente di garantire assistenza a 400/500 mila giovani". Quindi, considerato il numero di adesioni, oggi le richieste hanno già raggiunto la metà di quelle finanziabili? Tenendo conto che la scadenza del programma è prevista per dicembre 2015, e che l'obiettivo iniziale prevedeva il raggiungimento di un milione e mezzo di adesioni, resta da capire se e dove verranno reperite le risorse necessarie per garantire l'accesso di tutti coloro che ne faranno richiesta.
Ma non vi sono soltanto difficoltà finanziarie, ci sono anche quelle concernenti la disomogeneità nell'attivazione del programma a livello nazionale. Infatti, vi sono alcune Regioni in cui il progetto è in fase molto avanzata, ed altre invece che sono ancora ferme.
A proposito di obiettivi e risultati, il Ministro ha annunciato che il monitoraggio verrà eseguito dal governo insieme alle Regioni. Poletti inoltre spiega che molti Regioni hanno ancora in corso avvisi e bandi, mentre alcune hanno inserito Garanzia Giovani all'interno di loro progetti regionali. Quindi, per alcuni dati bisognerà attendere, mentre altri andranno estrapolati all'interno di altri programmi rivolti all'occupazione giovanile. Conclude il Ministro rassicurando che entro dicembre saranno forniti maggiori dettagli.


WWW.EUNEWS.IT - "GARANZIA GIOVANI, IN ITALIA GIA' 260 MILA ADESIONI, MA I FONDI SCARSEGGIANO"

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.